LA STORIA DEL CIRCOLO

SOCI FONDATORI

Dino DE GUIDO | Albino DE MAURO | Antonio GUARINI | Bruno GUARINI | Vincenzo LEOPARDI |  Lelio OSTILLIO | Gino SCONOSCIUTO | Mario SEMERARO

 

1974

Per iniziativa di otto giovani mesagnesi, pieni di buone intenzioni e della voglia di adoperarsi per lo sport ed in particolare per il tennis, nasce il 9 Febbraio 1974 il Circolo Tennis Mesagne con atto notarile del Notaio avv. Roberto Nicoletta.

 

1975

Sensibilizzati un centinaio di amici che si autotassano viene acquistato il suolo in C.da Palmitella con la benevola disponibilità di un caro amico di tutti, Nisio Carluccio. Si procede così alla costruzione di due campi di tennis in terra rossa serviti da due piccoli spogliatoi e locale bar.

 

1976

Proprio quando il progetto si avvia e pian piano si concretizza, Dino DE GUIDO, giovane e brillante avvocato, assistente di Criminologia presso l’Istituto di Diritto Penale dell’Università degli Studi di Bari, uno dei primi ispiratori dell’iniziativa e Vice Presidente in carica, viene a mancare tragicamente il 17 Marzo 1976, I suoi amici pensano così di dedicare a Lui questa nascente realtà sportiva e il “Circolo Tennis Mesagne” diventa Circolo Tennis “Dino De Guido” Mesagne.

 

1977

Si passa al raddoppio de campi e due di essi vengono illuminati con un moderno impianto.Esplode il tennis mesagnese, inizia la scuola addestramento tennis, si scatenano gli entusiasmi e i consensi sono unanimi.


1978

Cominciano a maturare idee e progetti più ambiziosi. Il sodalizio è pronto ad uscire dai confini mesagnesi. Viene istituito così “Il Trofeo Dino De Guido”, torneo a carattere regionale che porterà, anno dopo anno tutte le migliori racchette pugliesi sui campi del club mesagnese.


1979

Approda a Mesagne la più importante manifestazione tennistica fra giocatori pugliesi: i campionati regionali assoluti che vengono abbinati al 2° Trofeo Dino De Guido. L’alacrità nell’impegno dei dirigenti e la SAT, supportata dall’innesto di un maestro federale permettono al sodalizio di crescere sportivamente e socialmente.


1980

Si comincia a partecipare ai campionati regionali e nazionali oltre che provinciali. Il De Guido diventa un punto di riferimento obbligato per il tennis pugliese e meridionale. La FIT gli assegna l’organizzazione di una manifestazione internazionale , la “Coppa Regina Sofia”, semifinale di zona europea tra squadre nazionali femminili under 18. Il numero dei soci cresce e supera la barriera dei 400.


1981

Mesagne diventa il centro di attrazione del tennis pugliese e un riferimento per quello europeo:la Puglia infatti assegna i suoi titoli alle migliori racchette pugliesi; la FIT, Il CONI ne la Federazione Europea plaudono all’organizzazione della “Coppa Sofia “fra le nazionali di Cecoslovacchia, Israele, Jugoslavia e Italia.


1982

Il Circolo assume ormai un aspetto e una sua immagine ben definiti. Sul piano logistico viene definitivamente completata la sede sociale e, contestualmente, vengono gettate le basi per ulteriori strutture di completamento. Sul piano sportivo c’è la grande affermazione, in fase regionale nel campionato a squadre di categoria “C”. Comincia la serie dei tornei ad alto livello dotati di ricchi premi offerti da grossi sponsor a livello nazionale. Gli assoluti regionali, abbinati al “ V Trofeo Dino De Guido” , vengono vinti da Gigi Costa che è senza dubbio il tennista pugliese più rappresentativo.


1983

Ancora una volta la FIT assegna la semifinale di zona europea della “Coppa Sofia” a Mesagne, dove si impone la squadra italiana che andrà a vincere la finale a Santander (Spagna), da dove le magnifiche ragazze dedicano la vittoria al circolo tennis “Dino De Guido” come ringraziamento per l’ospitalità avuta.
I giovani tennisti del sodalizio entrano con prepotenza nelle classifiche; il circolo pullula anche di attività extra sportive che incontrano entusiasmo e partecipazione: i party in onore delle squadre, le feste sociali, le gite divengono appuntamenti di cornice altrettanto importanti.


1984

La “Coppa Sofia” diventa un appuntamento abituale per Mesagne ed il suo circolo.
E’ la volta delle squadre del  Belgio, della Jugoslavia, dell’ Ungheria e dell’ Italia. Quest’ultima si impone ancora una volta con autorità nella finale disputata contro il Belgio.
Il “Trofeo Dino De Guido” giunto alla sua VII edizione  è un tripudio per gli spettatori, per i giovani, per i numerosi partecipanti. Abbinato ai campionati assoluti di categoria “C”, vede i ragazzi del circolo lottare sino alle soglie delle semifinali contro i quotatissimi avversari, veri big del tennis pugliese.


1985

L’attività agonistica si intensifica. A Mesagne si svolgono i campionati interregionali riservati ai giornalisti di Puglia e Lucania “Memorial A. Mantegazza” : vince Antonello Valentini all’epoca addetto stampa della FIGC. Il “IV Torneo ITT” fa registrare un successo senza precedenti con oltre 100 iscritti nel tabellone maschile ed è record assoluto anche per quello fe3mminile.
L’ VIII “Trofeo Dino De Guido viene abbinato ai campionati assoluti regionali di categoria “C” e per la quarta volta l’organizzazione della semifinale internazionale di zona  della “Sophia Cup” viene affidata al circolo mesagnese: Italia, Jugoslavia, Francia e Germania occidentale si contendono l’accesso alla finale che si svolgerà a Plaio de Aro ( Spagna): vince l’Italia che in questo modo premia ancora una volta l’impegno e l’entusiasmo dei dirigenti del C T Mesagne.
Tragedia della follia nello stadio di calcio Heysel di Bruxelles in occasione della finale della “Coppa dei Campioni”: Alberto Guarini, promessa del tennis mesagnese e apprezzato studente universitario, figlio di Bruno, socio fondatore e per più volte consigliere del circolo, scompare crudelmente lasciando un profondo rimpianto in quanti lo hanno conosciuto.
Il circolo dedica al suo ricordo il campo centrale del Sodalizio.
L’anno si conclude con un appuntamento culturale rilevante: Il giudice costituzionale On Prof. Renato Dell’Andro è ospite del circolo dove tiene una interessante conferenza su “ Sport e democrazia”.


1986

Grazie anche alla disponibilità di alcuni soci che anticipano le quote sociali sino al 2005, un altro traguardo viene raggiunto con il più lodevole degli sforzi: si inaugura il 5° campo in terra rossa coperto da una struttura tensostatica. L’impianto è uno dei pochi nella Puglia e il vanto del Club mesagnese.  
5° torneo ITT, classico appuntamento regionale per N.C. e 1° Memorial “Alberto Guarini” riservato agli under 12 e 14 a ricordo del giovane tennista scomparso tragicamente in una squalilida serata di violenza in un desolante stadio intriso solo di grande tristezza e sconforto.
Ancora a Mesagne i Campionati Regionali Assoluti di Cat,. “C” abbinati al 9° Trofeo “Dino De Guido”. Ad Agosto ormai tradizionale appuntamento con la “Sophia Cup”. Con l’Italia si contendono la semifinale di zona Europea, il Belgio e la Norvegia. Vince l’Italia che disputerà la finale in Spagna a Barcellona.
L’attività sociale e culturale è sempre in fermento e il Circolo divenra sede di mostre d’Arte e di iniziative che mirano ad aggregare sempre più i soci il cui numero cresce sempre più.


1987

Il Circolo si dota di una nuova struttura: il campo di calcetto è una nuova realtà che allarga il panorama delle attività ricreative che ruotano attorno al tennis.
Si organizza il 2° Memorial “Alberto Guarini” ed il torneo regionale “Expert” per N.C., Le feste “Benvenuta Estate” e “Arrivederci Estate” mobilitano i soci e danno un tocco di mondanità al Circolo. E il Trofeo “Dino De Guido”, con il consueto successo organizzative, raggiunge la 10^  Edizione. Un anno ricco di soddisfazioni per l’attività agonistica; le giovani atlete mesagnesi conquistano due accessi nei tabelloni nazionali femminili.


1988

Il Trofeo “Expert” richiama ormai un gran numero di iscritti sollecitati anche dal ricco montepremi in palio.
La squadra under 14 femminile conclude a Roma dignitosamente la su avventura nella fase nazionale dopo aver conquistato il titolo regionale.
Anche la squadra “C” del C.T. Mesagne approda al tabellone nazionale. Per questi successi, al Circolo Tennis “Dino De Guido” viene attribuito per l’anno 1988 un ambito riconoscimento da parte del CONI: una targa d’oro quale premio per essere stata la prima società sportiva nella provincia di Brindisi in riferimento allo’attività agonistica svolta.
Vengono organizzati a Mesagne i Campionati Nazionali di tennis open dell’Aeronautica Militare italina.
11^ Edizione del Trofeo “Dino De Guido” vinto da Arturo Pisarra, maestro del sodalizio mesagnese.
Appuntamento culturale con la mostra di grafica e scultura del Maestro Cosimo Giuliano di Latiano.


1989

Il C.T. Mesagne, a conferma del proprio prestigio partecipa al Campionato Nazionale maschile di serie “B” incontrando sulla propria strada alcuni tra i C.T. di pià antica tradizione in Italia.
Si organizza ancora una volta il torneo regionale per giocatori N.C. “Expert”.
Terzo Memorial “Alberto Guarini” che quest’anno prevede sei gare regionali riservate ai ragazzi e ragazze under 12-14-16.
Tornano a Mesagne i Campionatio Regionali di Cat. “C” abbinatio al 12° Trofeo “Dino De Guido”.


1990

IL Trofeo “Sanyo”, torneo regionale per N.C., uno dei migliori in Puglia per numero e qualità dei partecipanti, contribuisce a far conoscere lì ospitalità e le ormai consolidate capacità organizzative dei dirigenti mesagnesi.
Si disputa a Settembre il 13° Trofeo “Dino De Guido”, torneo regionale per giocatori di Cat. “C”.


1991

Quest’anno il 14° Trofeo “Dino De Guido” viene abbinato all’Aperol Cup 91” la cui fase finale si svolgerà ad Umago in Jugoslavia. Il torneo si svolge sul circuito nazionale “Club Italia” ed è controllato dalla Federtennis. Grande successo di partecipazione: sono oltre 130  i tennisti iscritti che premiano ampiamente gli sforzi organizzativi dei dirigenti mesagnesi.
Arrivano a Mesagne i migliori talenti del tennis femminile giovanile di Italia, Francia, Polonia, Austria e Turchia. Il C.T. “Dino De Guido” viene designato dall’ETA (European Tennis Association), su indicazione della FIT, ad ospitare una delle semifinali di zona europea della competizione a squadre nazionali femminili under 14. Le ragazze italiane si aggiudicano la fase eliminatoria della “Europe Cup” battendo la Francia ed accedono alla fase finale qualificandosi anche per i mondiali in programma a Tokio.
Memoriale “Alberto Guarini” e Torneo “Sanyo” completano degnamente la ricca stagione agonistica.


1992

Torna ancora una volta il tennis internazionale a Mesagne: si svolge sui campi del C.T. Mesagne la fase di qualificazione della “Coppa del Sol”, campionato internazionale maschile a squadre riservato ai giocatori under 14. Italia, Gran Bretagna, Turchia e Grecia si giocano l’accesso alla fase finale che si svolgerà a Playa de Aro in Spagna. La squadra italiana, capitanata da Paolo Bertolucci, supera brillantemente la qualificazione e ripaga nel miglior modo possibile l’impegno e la serietà di quanti hanno determinato il grande successo della manifestazione.
Il 15° Trofeo “Dino De Guido” anche quest’anno viene abbinato al torneo nazionale “Aperol Cup” riservato ai giocatori di Cat. “C” ed N.C. ed il Memorial “Alberto Guarini” è abbinato al master di Cat. “C”.


1993

Tradizionale appuntamento con l’8° Memorial “Alberto Guarini” anche quest’anno abbinato al master di Cat. “C”. Un nuovo grave evento luttuoso colpisce il sodalizio: scompare tragicamente Daniela, figlia primogenita del Dott. Lelio Ostillio, socio fondatore, storico Presidente e animatore delle attività del Circolo e attuale Presidente Onorario.
Il Trofeo “Dino De Guido” abbinato al torneo “Aperol  Cup”, riservato ai giocatori di Cat. “C” ed N.C., giunge alla 16^ Edizione.
Con la riapertura delle scuole, riprende come ogni anno il C.A.S.T. 8 Centro avviamento allo sport del tennis) che consolida il proprio prestigio offrendo agli allievi uno staff di tutto rilievo.


1994

Il 9° Memorial “Alberto Guarini” viene abbinato al torneo regionale maschile e femminile riservato agli under 14.
Rituale appuntamento con il 17° Trofeo “Dino De Guido” abbinato al torneo nazionale “Aperol Cup” dove i migliori tennisti di Cat. “C” ed N.C. si disputano il prestigioso trofeo in argento.
Le attività creative del Circolo diventano una stimolo alla frequentazione da parte dei non addetti ai lavori tennistici: si organizzano con sempre maggiore cadenza tornei di calcetto, di burraco, di biliardo e durante la stagione estiva, le serate musicali sono un lieto momento di aggregazione.


1995

Torneo regionale di Cat. “C”, 18° Trofeo “Dino De Guido”, torneo regionale di Cat. C3-c4 ed N.C. abbinato al “BMW tennis fans” e 10° Memorial “Alberto Guarini”, sono gli avvenimenti agonistici importanti di quest’anno.
In coppa Italia la squadra maschile arriva alla fase nazionale ma viene eliminata dal C.T. Palermo.
Nuovo staff tecnico per il C.A.S.T. che di propone di rilanciare il tennis giovanile mesagnese nell’ambito del progetto “tennis 2000”: la risposta in termini di iscrizioni è incoraggiante. Viene istituita per la prima volta una scuola calcio per i giovanissimi che riscuote un buon successo.
Intanto, ancora una volta, al Circolo Tennis “Dino De Guido” viene attribuito il premio CONI regionale.


1996

Si svolge a Mesagne il 7° “Gran Prix Sporting Isolabella” per giocatori di Cat. C3 e c4.
L’11° Memorial “Alberto Guarini” vioene abbinato al master under 12 e il tradizionale trofeo “Dino De Guido” giunge alla sua 19^ Edizione con il torneo regionale riservato ai giocatori di Cat. “C”.
I ragazzi dell’under 12 vincono brillantemente il titolo regionale a squadre. Purtroppo grosse nubi incombono sul Circolo Tennis Mesagne: i lavori di adeguamento della S.S. 7 secondo il progetto presentato dall’Ente nazionale per le strade, farebbero scomparire parte delle strutture del sodalizio facendo chiudere in buona sostanza uno dei Circoli più apprezzati della Puglia che opera a Mesagne da più di 20 anni. I dirigenti si adoperano con tutte le forze, con il conforto dell’Amministrazione Comunale, per evitare l’attuazione del progetto. Viene accettato il ricorso presentato dal C.T. Mesagne con grande soddisfazione di tutti.
Il C.T. Mesagne viene scelto per ospitare il primo “Centro Tecnico Federale decentrato”: Bobo Ciampa  è il tecnico operativo. LO scopo dell’iniziativa è quello di curare con particolare attenzione le tenniste di interesse nazionale.
Si disputa il  “1° quadrangolare della solidarietà”, torneo di calcetto che viene accolto con lusinghieri consensi.
Appuntamento culturale con la presenza del Dott. Nicola Piacente, Sostituto Procuratore della Repubblica a Brindisi e componente del pool antimafia, che parla sui temi della giustizia.
Il circolo conferisce il titolo di socio onorario a Simonetta Farina, la ragazza più buona d’Italia.


1997

20° Trofeo “Dino DE Guido” abbinato al “Gran Prix Isolabella- Bmw Tennis Fans” riservato ai giocatori di Cat. C3-C4 ed N.C. e grande successo di partecipazione con quasi 100 iscritti. Vince Leonardo Chionna, tesserato con il C.T. Mesagne e maestro del Circolo.
Il 12° Memorial “Alberto Guarini” vede il coinvolgimento delle scuole elementari mesagnesi che partecipano con entusiasmo a questo significativo appuntamento.
Ad agosto nell’anfiteatro del Circolo il concerto pianistico del Maestro Delli Noci richiama il pubblico delle grandi occasioni.
Si svolgono a Mesagne le finali del campionato italiano a squadre di Cat.  C3-C4 femminile e il C.T. Bologna vince il titolo italiano.
La squadra maschile di Coppa Italia vince il titolo regionale e accede alla fase nazionale ma viene eliminata dalla forte compagine del C.T. Valleverde di Firenze.
Si svolgono a Mesagne anche i campionati provinciali di go-back, giovo propedeutico per il tennis. Mini tennisti affluiscono in rappresentanza dei vari circoli della provincia.
E per il secondo anno si svolge sul campo di calcetto del Circolo il “quadrangolare della solidarietà”. Anche quest’anno il Circolo viene insignito del Premio CONI regionale.


1998

Viene realizzata una nuova struttura interrata comunicante con la sede sociale che dovrà ospitare le attività ricreative del Circolo (biliardo, sala Tv, tavoli per gli appassionati di burraco). Nell’attuale salone dovrebbe essere realizzata, come da lontani proponimenti, un contenitore polifunzionale per la ristorazione invernale, per assemblee sociali, conferenze, feste, ecc, ecc..
Il torneop regionale di Cat. “C” abbinato alla 21^ Edizione del Trofeo “Dino De Guido” è ormai il tradizionale appuntamento per le migliori racchette pugliesi.
Si ripete  il successo del 1997 con  la partecipazione delle scuole per il 13° Memorial “Alberto Guarini”.
La squdra under 14 maschile conquista il titolo regionale, accede alla fase nazionale nella quale con  dignità viene sconfitta in Sardegna dal C.T. Torres di Sassari.
Anche la squadra di Coppa Italia maschile conquista il titolo regionale e supera nel primo turno della fase nazionale a Novara il C.T. Piazzano, un risultato mai ottenuto prima. L’avventura ha termine a Mesagne dove la squadra mesagnese cede le armi contro la quotatissima squadra  del C.T. Nomentano Roma.
I ragazzi del C.T. Mesagne ottengono il 1° posto al termine della fase di qualificazione per le finali nazionali di go-back in programma a Modena dove conquistano un onorevole 5° posto. A coronamento di questa esaltante stagione agonistica grande festa di fine estate per premiare tutti i tennisti che hanno contribuito ai successi del C.T. “Dino De Guido”, con spettacolo teatrale e musica tra il verde accogliente del sodalizio.
L’anno si chiude con la mostra d’arte contemporanea “Apparenze ed in apparenze” di Angioletta De Nitto e Rita Fasano, affermate artiste mesagnesi, allestita durante il periodo natalizio.